News dall'Azienda Socio-Sanitaria Territoriale

Nuove donazioni dalla Onlus SOV all'Ospedale di Varzi

8 maggio 2019 Nuove donazioni dai volontari della Onlus SOV all'Ospedale di Varzi:
6 sfigmomanometri G5 latex free del valore complessivo di € 550,00 (iva inclusa); 2 bracciali per obesi del valore complessivo di €.130,00(iva inclusa); 6 fonendoscopi adulti colore blu del valore complessivo di € 50,00 (iva inclusa); 2 deambulatori pieghevoli in alluminio 2 ruote e 2 puntali del valore complessivo di € 160,00 (iva inclusa); 2 carrozzelle imbottite (con o senza WC),oltre ad accessori,del valore complessivo di € 910,00 (iva inclusa) per un valore complessivo di € 1.800,00 iva inclusa, donati dalla Onlus SOV SOSTENITORI OSPEDALE VARZI all’Ospedale SS.ANNUNZIATA VARZI. Nella foto il Dott. Vittorio Perfetti Direttore della UOC di Medicina Interna, una donatrice la Sig.ra Marida Morelli ed il Dott. Walter Bazzini Dirigente Medico anch'esso presso l'UOC di Medicina Interna dell'Ospedale di Varzi. La Direzione Strategica ringrazia per il generoso gesto.

SCREENING TIROIDEO ALL'OSPEDALE SS. ANNUNZIATA DI VARZI

Mercoledì 22 maggio 2019, dalle ore 14:00 alle 18:00, in occasione della Giornata Mondiale della Tiroide, presso l’U.O.C. Medicina Interna dell’Ospedale SS. Annunziata di Varzi diretta dal dott. Vittorio Perfetti, la popolazione è invitata allo screening gratuito che comprende visita endocrinologica ed ecografia del collo.
Ad eseguire i controlli saranno la dott.ssa Raffaella Puce e il dott. Vittorio Gazzaniga, Dirigenti Medici dell’Unità Operativa Complessa Medicina Interna di Varzi.
La prenotazione delle visite può essere effettuata dal lunedì al venerdì, dalle ore 11:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 15:00, telefonando al numero 0383-547313.
La tiroide svolge una serie di funzioni vitali per il nostro organismo come la regolazione del metabolismo, il controllo del ritmo cardiaco, lo sviluppo del sistema nervoso, l’accrescimento corporeo, la forza muscolare e molto altro. Proprio per il ruolo di ‘centralina’, se questa ghiandola non funziona correttamente tutto il corpo ne risente. Può colpire ad ogni età e per questo motivo occorre non trascurare alcuni campanelli di allarme rivolgendosi al proprio medico in caso di dubbio.
La carenza iodica e la predisposizione genetica sono le cause più frequenti di patologia nodulare della tiroide. Il 50-60% della popolazione presenta noduli di piccole dimensioni all’esame ecografico, mentre nel 5% dei soggetti i noduli tiroidei sono palpabili. I noduli si possono presentare isolati o nell’ambito di una tiroide ingrandita (gozzo). Lo iodio è il costituente essenziale dell’ormone tiroideo e viene introdotto nell’organismo con gli alimenti che generalmente ne contengono basse concentrazioni.
L’esame più frequentemente utilizzato nella diagnosi delle malattie tiroidee è l'ecografia. Un dosaggio dell’ormone TSH  permette di sospettare un’alterazione della funzione tiroidea (ipotiroidismo e ipertiroidismo) da confermare con indagini più specialistiche.
L’ipotiroidismo si corregge facilmente con l’assunzione di ormone tiroideo (levotiroxina) con l’obiettivo sia di normalizzare i valori ormonali che di correggere i  suoi sintomi con ripristino del pieno benessere. L’ipertiroidismo si cura invece con farmaci che bloccano la produzione ormonale e, nei casi in cui è richiesto il trattamento definitivo, mediante terapia radiometabolica con radioiodio o intervento chirurgico di tiroidectomia.
Il gozzo nodulare è quasi sempre benigno e necessita solo di regolari controlli nel tempo. Nella patologia nodulare si può ricorrere alla chirurgia che oggi si è molto evoluta sia nelle indicazioni (non operare se non si è sicuri del beneficio), sia nella tecnica (introduzione della chirurgia mini-invasiva e robotica). I noduli maligni della tiroide possono essere curati con successo nella maggior parte dei casi mediante tiroidectomia associata in casi selezionati alla terapia radiometabolica con radioiodio (link alla locandina).

 

NUOVI AMBULATORI SPECIALISTICI DELL’U.O.C. ORTOTRAUMATOLOGIA VOGHERA

A partire da lunedì 13 maggio vengono attivati nuovi Ambulatori specialistici presso l’U.O.C. di Ortotraumatologia Voghera diretta dal dott. Roberto Vanelli.
Nello specifico:

- Patologia della Colonna Vertebrale
Tutti i Lunedì
Gestione e trattamento di patologie traumatiche, degenerative, infettive e neoplastiche del rachide, valutazione multidisciplinare per pazienti con crolli vertebrali da osteoporosi, infiltrazioni ampliscopico guidate (previa valutazione e programmazione dei Medici incaricati).

- Ortopedia Pediatrica
Il primo e terzo giovedì del mese
Dedicato a pazienti da 0 a 16 anni con malformazioni, deformità ossee congenite e post-traumatiche, disturbi evolutivi, traumi sportivi, protesi ortesiche.

- Patologia dell’Anca e del Ginocchio
Secondo e quarto giovedì del mese
Patologie traumatiche con riferimento alla traumatologia dello sport, lesioni legamentose e meniscali del ginocchio, patologie croniche degenerative, condropatie, gonartrosi, coxartrosi. Infiltrazioni articolari di acido ialuronico e trattamento con PRP (acronimo di Plateleth rich plasma, ovvero fattori di crescita di derivazione piastrinica).

Le nuove attivazioni vanno ad ampliare l’offerta già presente presso l’U.O.C. di Ortotraumatologia di Voghera che comprende:
- l' Ambulatorio di Patologia e Chirurgia della Mano (Unità Operativa Semplice), ogni martedì;
- l' Ambulatorio di Patologia e Chirurgia del Piede, ogni mercoledì, dedicato a interventi correttivi delle deformità del piede con tecnica tradizionale e percutanea.

E’ in fase di programmazione anche il potenziamento dei servizi di ortotraumatologia presso l’Ospedale SS. Annunziata di Varzi dove l’apertura dell’Ambulatorio Prime visite e Controlli, attualmente fissata il 1° e 3° martedì del mese, verrà allargata con cadenza settimanale.  

L'unità Operativa Complessa di Ortotraumatologia di Voghera svolge attività chirurgica in ambito sia traumatologico che ortopedico. Oltre agli ambulatori è presente il Reparto con 27 posti letto di ricovero ordinario, 3 di Day Surgery e 2 BOCA (chirurgia a Bassa Complessità Operativa ed Assistenziale").

Pavia, 10/05/2019

Donazione organi e tessuti: il Coordinamento Regionale Trapianti ringrazia l'Asst di Pavia

RiconoscimentoIl Coordinamento Regionale Trapianti ha riconosciuto all'Asst di Pavia un formale ringraziamento per l'impegno profuso nel 2018 nell'attività di procurement che ha consentito una nuova speranza di vita a 9 riceventi di organi ed ha contribuito con 93 prelievi di tessuti e alla cura di oltre 4200 pazienti. Il messaggio che accompagna la pergamena consegnata ad Asst Pavia recita: "Nel ringraziarvi per l’impegno a favore del programma regionale di donazione a scopo di trapianto, trasmettiamo un segno di riconoscenza per l’attività svolta dal personale sanitario nel 2018. Con l’auspicio che il rafforzamento dei Coordinamenti Ospedalieri delle Donazioni contribuisca a migliorare ulteriormente il soddisfacimento del fabbisogno di organi, tessuti e cellule in ambito regionale e nazionale". (Leggi tutto)

Documento: 
AllegatoDescrizione
Scarica il filePergamena ringraziamento Asst Pavia

La nuova era della responsabilità sanitaria: due anni dopo la legge Gelli", convegno in Ospedale a Vigevano

Martedì 14 maggio l’Aula Magna dell’Ospedale Civile di Vigevano ospita il convegno “La nuova era della responsabilità sanitaria: due anni dopo la legge Gelli”, organizzato da Med Mal Risk con il patrocinio di ASST Pavia, rivolto ai professionisti sanitari della Lomellina.
La Legge Gelli, entrata in vigore il 1° aprile 2017, ha introdotto significative modifiche nella disciplina sostanziale e processuale di quel fenomeno che va sotto il nome di “responsabilità sanitaria“ di medici ed infermieri.
Per conoscere il programma del convegno consultare la brochure qui.

 

Nuovi Direttori di U.O.C. all'Ospedale Civile di Voghera

Hanno preso servizio da appena una settimana ma sono già perfettamente integrati nel contesto dell’Ospedale Civile di Voghera, dando impulso e nuove idee ai rispettivi reparti, i due nuovi primari dell’ASST di Pavia: si tratta del prof. Maurizio Bejor, Direttore dell’U.O.C. Riabilitazione Specialistica e Generale Geriatrica e del dott. Roberto Edoardo Vanelli, Direttore dell’Unità Operativa Complessa Ortotraumatologia.

Prof. Maurizio Bejor
L’ASST di Pavia ha stipulato una convenzione con l’Università degli Studi di Pavia per lo svolgimento di attività assistenziali, formative e di ricerca presso l’U.O.C. Riabilitazione Specialistica e Generale Geriatrica di Voghera, attribuendo contestualmente l’incarico di Direttore della medesima unità al prof. Maurizio Bejor per la durata di cinque anni. Il nuovo Direttore mantiene l’incarico di Professore di II Fascia di Medicina Fisica e Riabilitativa presso il Dipartimento di Scienze Clinico-Chirurgiche, Diagnostiche e Pediatriche dell’Università.
Pavese, classe 1953, il Prof. Bejor si è laureato in Medicina e Chirurgia nel 1979 con il massimo dei voti. Ha conseguito le specializzazioni in Fisioterapia (1983)e poi in Neurofisiologia Clinica (1986), un master di General Management (1995) ed ha frequentato numerosi corsi di aggiornamento.
La sua esperienza professionale è iniziata nell’allora USSL 77 di Pavia, per poi passare, con incarichi di rilievo, all’USSL 57 di Melegnano, all’USSL 55 di Sant’Angelo Lodigiano, al Policlinico San Matteo, all’Ospedale di Seravezza. Dal 2006 è Professore Associato dell’Università di Pavia presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia.
E’ membro del Disability Italian Network (organo italiano dell’Organizzazione Mondiale della Sanità), della Commissione Regionale per le Malattie Cardio-Cerebrovascolari, del Comitato Tecnico Scientifico per la Valutazione delle Aziende Sanitarie accreditate e della Società Italia di Medicina Fisica e Riabilitativa.
L’approdo a Voghera del Prof. Bejor rientra in un protocollo di intesa siglato con l’Università degli Studi di Pavia in base al quale l’ASST di Pavia mette a disposizione strutture, attrezzature e personale per lo svolgimento di attività didattico professionalizzanti finalizzate al completamento della formazione accademica e professionale dei medici iscritti alle Scuole di Specializzazione dell’Ateneo pavese. “Questa convenzione – commenta con soddisfazione il dott. Michele Brait, Direttore Generale di ASST Pavia – consolida gli ottimi rapporti in atto con la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Pavia e consente di sviluppare ulteriori collaborazioni allo scopo di elevare gli standard qualitativi dell’assistenza, promuovendo una integrazione con didattica e ricerca”.

Dott. Roberto Edoardo Vanelli
Al nuovo Direttore dell’U.O.C. Ortotraumatologia di Voghera è stato conferito incarico quinquennale con scadenza a maggio 2024.
Originario di Busto Arsizio (Varese), 45 anni, il dott. Vanelli proviene dalla Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo dove ha ricoperto il ruolo di Dirigente Medico della Struttura Complessa di Ortopedia Traumatologia e di Responsabile dell’Ambulatorio Osteoporosi della Clinica Ortopedica e Traumatologica di Pavia.
Dopo la maturità classica, si è laureato nel 1998 in Medicina e Chirurgia a Pavia dove si è specializzato in Ortopedia e Traumatologia nel 2003. Ha frequentato l’University Medicale Centre di Utrecht per l’approfondimento della patologia e delle deformità del rachide in età pediatrica. E’ inoltre autore di numerose pubblicazioni su riviste scientifiche internazionali ed ha svolto attività di ricerca su chirurgia vertebrale e protesica, e su tessuto osseo di banca.
La sua attività lavorativa è cominciata nel 2003 presso l’Ospedale Civile di Tradate (Varese), nel 2004 è approdato al San Matteo di Pavia. Tra le sue attività collaterali figurano il ruolo di consulente ortopedico dell’Associazione Nazionale Coagulopatici Congeniti e di tutor, sia presso la Scuola di Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia dell’Università di Pavia che del tirocinio obbligatorio degli studenti della Facoltà di Medicina e Chirurgia. Ha effettuato oltre 1500 interventi di chirurgia ortopedica come primo operatore ed altrettanti come secondo operatore, con particolare riferimento a sostituzione protesica articolare per patologia artrosica o traumatica di anca e spalla, patologia del rachide, correzione per scoliosi idiopatiche dell’adolescente, per deformità neuromuscolari, artroscopie di ginocchio e spalla, chirurgia della mano e traumatologia generale.
Il nuovo primario subentra al dott. Concetto Consoli, entrato in pensione per raggiunti limiti di età dopo 39 anni trascorsi presso l’ASST di Pavia.

(Pavia, 08/05/2019)

 

ASST di Pavia aderisce H-Open Day sulle malattie reumatiche autoimmuni

Venerdì 10 maggio Onda - Osservatorio Nazionale sulla salute della donna in occasione della Festa della mamma promuove un H-Open day dedicato alle malattie reumatiche autoimmuni.

Obiettivo della giornata sarà quello di promuovere la consapevolezza e la corretta informazione così come la prevenzione, la diagnosi e l’accesso ai percorsi specialistici diagnostico-terapeutici dedicati alle malattie reumatiche autoimmuni, che causano disturbi a carico di ossa, articolazioni e muscoli e in generale dei tessuti connettivi dell’organismo. Rappresentano un gruppo estremamente eterogeneo di malattie e si presentano con espressione e gravità differenti, colpendo più di 3,5 milioni di italiane. Inoltre, spesso esordiscono in età giovane impattando sulla qualità della vita, sulla salute riproduttiva e sulla pianificazione familiare.

Due sono le iniziative in programma :

Voghera presso la sede di ASST in Viale Repubblica 88 Sala Rossa dalle ore 14:30 un convegno aperto alla popolazione dal titolo “Pianificazione famigliare e gravidanza nelle malattie autoimmuni reumatiche”. L'incontro, rivolto in particolare alle donne in età compresa tra 20 e 45 anni di età,avrà come relatori la Dr.ssa Alessandra Marchese (Dirigente Medico dell'U.O.C. di Medicina Interna dell'Ospedale Civile di Voghera diretta dal Dr. Luigi Magnani), la Dr.ssa Carmen Sauta (Dirigente Medico dell’U.O.C. Ginecologia e Ostetricia dell’Ospedale iriense) e la Dr.ssa Francesca Bobbio Pallavicini, Dirigente Medico della S.C. Reumatologia del Policlinico San Matteo).
L’appuntamento è gemello della stessa iniziativa dell’IRCSS Policlinico San Matteo di Pavia che terrà un convegno sullo stesso argomento venerdì 10 Maggio dalle ore 10:30 alle 12:30, presso l’Aula 4 al primo piano del DEA, a cura della Struttura Complessa di Reumatologia diretta dal dott. Carlomaurizio Montecucco.

Mede Ospedale san Martino visite reumatologiche gratuite dalle ore 09:00 alle ore 12: il personale dell’Ambulatorio di Reumatologia, diretto dalla Dr.ssa Elena Prisco, sarà a disposizione della popolazione femminile per eseguire visite reumatologiche gratuite: servizi clinico-diagnostici, esami strumentali e momenti informativi con il supporto e la distribuzione di materiali divulgativi per la prevenzione, la diagnosi e la cura delle malattie reumatiche. Le visite sono prenotabili entro giovedì 9 maggio, telefonando dalle ore 14:00 alle ore 15:00 al numero 0384/808340. 

 

Documento: 
AllegatoDescrizione
Scarica il fileMalattie reumatiche autoimmouni: dalla pianificazuione familiare alla genitorialità

Il Coraggio dell'alterità | Conferenza presso la Casa del Giovane Pavia

11 Maggio ore 16:30 presso La Casa del Giovane in Via Lomonaco 43  di Pavia, in occasione della Festa di Primavera, si terrà una conferenza dal titolo "Il coraggio dell'alterità" interverranno il prof. Pierpaolo Triani docente dell'Universita Cattolica del Sacro Cuore e Stefano Granata presidente di Confcooperative Federsolidarietà.

Incontri a Palazzo Cambieri Mortara

  • Mercoledì 8 Maggio alle ore 18:00 Incontro con gli studenti  l'Istituto Tecnico Pollini di Mortara sul tema: Parliamo di tumori ai giovani. 
    I
    nterverrà il dott. Simone Bagnoli 
  • Giovedi' 9 Maggio alle ore 16:00 L' Università della Terza Età di Mortara organizza un incontro sempre con il dott. Simone Bagnoli dal tema: 
    La malattia ateromasica. Infarto ed ictus i grandi nemici del mondo occidentale.

11 Maggio Giornata della Tiroide | Casorate Primo 09:30 - 12:00

Sono 6 milioni gli italiani affetti da disfunzioni e patologie legate alla tiroide. Negli ultimi anni si è reso evidente un incremento sia della patologia neoplastica, che della patologia autoimmune (che tende ad esordire più precocemente nelle generazioni successive) e non di meno delle disfunzioni tiroidee di natura iatrogena. Cio’ è in parte sicuramente da attribuire all’uso dell’ecografia e alla maggiore propensione dei medici di medicina generale a prescrivere la valutazione del TSH-riflesso. 
In generale, le patologie riguardanti quest’organo possono non essere immediatamente identificate, perché i sintomi spesso sono molto sfumati e comuni ad altre malattie. Senza specifici controlli, quindi, è facile misconoscerle e procastinare la giusta diagnosi.
È proprio con lo spirito di fare emergere e diagnosticare precocemente disturbi e malattie di questa ghiandola, che in data 11 Maggio 2019 dalle ore 9.30 alle ore 12.00 presso gli ambulatori di Endocrinologia dell’Ospedale Carlo Mira di Casorate Primo sarà possibile effettuare un controllo ecografico gratuito. Sulla base dell’esito di tale indagine i pazienti potranno essere presi in carico dal nostro ambulatorio di Endocrinologia. Qualora si renda necessario saranno indicati gli ulteriori accertamenti del caso mediante breve relazione per il Curante. 
Scopo di questa giornata è di diagnosticare precocemente eventuali patologie della tiroide per mettere in atto sin da subito opportuni provvedimenti terapeutici con ricadute positive sulla salute del paziente. La maggior parte di tali malattie si cura con terapie farmacologiche che consentono di ottenere ottimi risultati. 
Vogliamo con questa iniziativa rivolgerci in particolar modo a donne di età inferiore ai 45 anni che hanno familiarità per patologia tiroidea o che stanno per programmare una gravidanza e che manifestano sintomi come irritabilità, nervosismo, insonnia, gonfiore al collo, oscillazioni nel peso e che non si siano mai sottoposte a un controllo in precedenza.

Pagine